Smart working

Emergenza COVID-19

Tante aziende ed enti italiani si sono ritrovati a dover far fronte all’emergenza sanitaria adottando una pratica fino ad oggi snobbata dai più, ma ora, per forza di cose, necessaria e vitale: lo smart working, ovvero il lavoro agile.

Anche grazie al recente D.P.C.M. 1 marzo 2020, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, con cui il Governo ha facilitato la procedura burocratica, necessaria per avviare il lavoro agile (Art.1 comma 1 lettera a).

Questa “sperimentazione forzata” non può e non deve terminare quando l’emergenza sanitaria sarà rientrata. Come Associazione abbiamo quindi deciso di avviare una campagna a supporto dello smart working, che ne favorisca la sopravvivenza anche dopo l’emergenza coronavirus.

 

Smart working: cos’è

Il lavoro agile (o smart working) è una modalità di esecuzione del rapporto di lavoro subordinato, caratterizzata dall’assenza di vincoli orari o spaziali e un’organizzazione per fasi, cicli e obiettivi, stabilita mediante accordo tra dipendente e datore di lavoro; una modalità che aiuta il lavoratore a conciliare i tempi di vita e lavoro e, al contempo, favorire la crescita della sua produttività.

Conclusa l'indagine

Si è conclusa l’indagine nazionale di Euromobility sullo smart working, dedicata a lavoratori e datori di lavoro.

Clicca qui per scaricare il report della ricerca e qui per il comunicato stampa.

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.